Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

20 febbraio, 2014

Hater del cazzo



Che cazzate che pubblico ormai. Scrivo cose senza anima portando avanti questa idea di blog che mi ostino a mantenere in vita.
L'alcool mi aiuta a dire certe cose ma non basta a dare qualità a quello che dico. Il problema, diciamo la verità, è che a nessuno gliene frega un cazzo di cosa dicono gli altri.
Le opinioni da hater del cazzo come le mie andavano di moda anni fa.
Adesso è diventato tutto una minestra riscaldata che non sa di niente. Tempo fa scrivevo cose che potrei scrivere anche adesso ma tempo fa avrebbero colpito al cuore, adesso i nostri cuori sono diventati insensibili. Internet ci ha cambiato. Adesso su internet siamo tutti fighi, niente ci stupisce più. Avere la risposta pronta e un atteggiamento cinico è la norma. E sapete cosa è ancora peggio? Che la risposta pronta ce la teniamo per noi. Non condividiamo più niente. Quando dico condividere io intendo esprimere un opinione, mettersi in gioco, azzuffarsi tramite una tastiera. Invece la condivisione che abbiamo e che ci meritiamo è diventata un bottone di facebook del cazzo con cui possiamo esprimere cose che dicono gli altri. Ecco cosa condividiamo, cose che hanno detto gli altri.
Partiamo con la predica del cazzo.
Non ci sforziamo di dire qualcosa di originale. Non più. Io no di certo. Semplice no? Posso pensare di essere diventato troppo vecchio, posso dire che i tempi sono cambiati, e avrei ragione e torto al tempo stesso.
Il punto è che ho già detto tutto. Allora cosa deve cambiare? Il modo in cui si dicono le cose? Ma sì, e dopo un po' siamo da capo. Non è la noia, non è l'età, è solo la vita che non offre più spunti. La vita si appiattisce, lasciatevelo dire. Già lo sapete. Facciamo finta di no ma è così. Poco a poco si tratta di scendere sempre di più, di adeguarsi a tutto. Perdiamo la partita giorno dopo giorno e pensiamo di poter ancora recuperare. Non è così. Ma saperlo non serve a niente.
Adesso basta, fine del post. Serviva a qualcosa scrivere queste cose? No. Ma mentre le scrivevo ho pensato di sì.
Non è abbastanza.

24 commenti:

  1. Vero che l'atteggiamento cinico è diventata la norma, come vere sono tutte le altre cazzate che hai scritto. Però 'sto cazzo di post l'ho letto tutto. Non serve a un cazzo, occhei, ma ogni volta che vedo un nuovo post mi fa piacere e passo un paio di buoni minuti.
    A fare il finto cinico realista non si guadagna un cazzo, anche se fa figo, porcoddio.E lo sappiamo che è così,ma fare il figo è più importante.
    Scritto da uno che ti legge da quando avevi il blog nero,

    RispondiElimina
  2. Visto che son le 5 e sa vado a letto adesso muoio, aggiungo che non è necessariamente detto che hai finito quello che avevi da dire. Mi viene in mente questo http://www.youtube.com/watch?v=TSJw6jR1xms in cui ricordando quel figo di george carlin (che cambiava materiale ogni anno) louis ck dice che quando hai detto qualcosa l'unica cosa che puoi fare è ontnuare a scavare. Quello oppure sei tim burton.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il video, mi mancava. (un brindisi al blog nero)

      Elimina
  3. Vecchia faina, hater del primo decennio... uno dei primi cyberbulli, che detto così te lo immagini brufoloso, grasso che non scopa, invece...

    RispondiElimina
  4. Aggiungo che la cosa che dici è vera solo se uno usa facebook, che è diventato la cloaca massima del pensiero umano, una tempesta di immagini buffe, gattini e meme copiati da siti americani, che qui in Italia (la patria dell'arte e della cultura) non siamo neanche in grado di sottotitolare in modo buffo una foto.

    RispondiElimina
  5. non te la stare a prendere, è umano, dopo un po' ci si stufa, tutto viene a noia, magari la gestione di un blogghetto ti è stata utile, ti ha guarito dalle tue paranoie e mo' puoi lasciare, oppure la vita reale ti sta riassorbendo o chissàcchè, comunque potresti sempre ripubblicare robba vecchia che tanto la platea dei lettori si rinnova ed anche i vecchi non ricordano tutte le cazzate già dette.
    A me comunque er nome faina è sempre piaciuto, ricordo che da rigazzo, con l'entusiasmo neofita ci pubblicai persino un post, un incomincipit, che allora c'avevo pure velleità letterarie, c'avevo

    RispondiElimina
  6. Su con la vita faina. Ti sottovaluti, forse non hai presente quante poverate ci sono in giro. Tu sei un peso massimo rispetto a tanti blog di merda misteriosamente più celebri del tuo.

    RispondiElimina
  7. "Le opinioni da hater del cazzo come le mie andavano di moda anni fa.
    Adesso è diventato tutto una minestra riscaldata che non sa di niente. Tempo fa scrivevo cose che potrei scrivere anche adesso ma tempo fa avrebbero colpito al cuore, adesso i nostri cuori sono diventati insensibili. Internet ci ha cambiato. Adesso su internet siamo tutti fighi, niente ci stupisce più. Avere la risposta pronta e un atteggiamento cinico è la norma. E sapete cosa è ancora peggio? Che la risposta pronta ce la teniamo per noi. Non condividiamo più niente. Quando dico condividere io intendo esprimere un opinione, mettersi in gioco, azzuffarsi tramite una tastiera. Invece la condivisione che abbiamo e che ci meritiamo è diventata un bottone di facebook del cazzo con cui possiamo esprimere cose che dicono gli altri. Ecco cosa condividiamo, cose che hanno detto gli altri."


    scusa, ma tutta sta roba è da oscar. Bell'analisi, cose vere... e conclusione azzeccata.
    Va bene, si finisce lo stesso con "sti cazzi" ... però esce in modo diverso, non credi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma assolutamente si.
      Come lo StronzoDuro e la diarrea... c'è na bella differenza.
      Potevo dire anche il pane e la pizza, ma non rendeva uguale.

      Elimina
  8. io l'ho letto volentieri però quoto l'idea nostalgica di fracatz, quando non hai un cazzo da dire potresti ripescare qualche post di quando eri giovane e avevi ancora voglia di odiare.
    Io a volte mi sganascio a leggere roba che scrivevo 4 5 anni fa.

    RispondiElimina
  9. peraltro ho risposto ad un tuo commento in un post sul mio blog.
    mi farebbe piacere che quando finisci di masturbarti sulle pagine della padania lo leggessi e scrivessi qualche stronzata.

    RispondiElimina
  10. non demordere, faina. anche se non hai più un' anima, come i giapponesi, rimani comunque profondo ed introspettivo, come un microscopio.

    RispondiElimina
  11. http://incomaemeglio.blogspot.com/
    Hater con stile che non passa mai di moda.

    Tu continua pure a farti le canne e a sbraitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Smeriglia è un hater io sono Topolino.
      (Sbraitare e farsi le canne è divertente e non passa mai di moda, prova)

      Elimina
    2. sei indietro come le palle del mulo faina

      Elimina
    3. Ma hai appena finito la prima elementare o sei solo una troll del cazzo?

      Elimina
  12. Faina, tempo fa passasti da me a dire "è quello che penso ogni mattina"; questa volta tocca a me dirlo. Ogni volta che cerco di scrivere qualcosa, ecco che sale l'angoscia: è stantio, è già detto, non ci riesco, sono cambiato, il mondo è cambiato, non sono in grado di scrivere quello che potrei e dovrei e vorrei.
    Il punto è che queste sono solo nostre seghe mentali per esprimere il disagio che viene dall'esterno. Il marcio risalta sempre agli occhi, lo sai meglio di me. Credimi però se ti dico che è soddisfacente quando riesci a scrivere quello che vorresti, un po' perché l'angoscia ti lascia temporaneamente e un po' perché c'è sempre chi apprezza il "vecchio e stantio". :)
    Non a caso, se cerchi "surplus killing" (e non faina incazzosa!) il primo risultato nei suggerimenti di ricerca è "surplus killing fabio volo" ;)

    Passa una buona giornata.

    RispondiElimina
  13. ma dove cazzo è finito numerozero? scusate sono rimasto fuori dal giro troppo.

    RispondiElimina
  14. forse ci voglio solo più offese tra i commenti, così t'incazzi e il livello del post sale.

    RispondiElimina