Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

12 aprile, 2013

Fuori la merda dall'Internet



Vorrei masturbarmi fino a che non mi viene l’uccello abbastanza duro da poterci infilare cocci di bottiglia tutto attorno e venire mentre sanguino.

Ora che ho la vostra attenzione vorrei parlarvi di un argomento che mi sta a cuore: una proposta di legge per impedire alle persone mentalmente inferiori di me di vagare per l’Internet e lasciare le sgradevoli tracce del loro passaggio.
Sul serio, è ora di smetterla, sembra di camminare su un immenso marciapiede costellato di merde di cane.

Se devo perdere preziose ore della mia vita su Internet perlomeno non voglio imbattermi in commenti idioti di ragazzini/e che ascoltano Fedez che fa brutto o imparano a truccarsi con i tutorial di Youtube in cui parrucchiere fallite propongono l’ultimo innovativo make-up ispirato all’anoressica di Twilight.

Infilare le dita nell’ano della vostra ragazza e tirarle fuori coperte di merda per poi passargliele sotto il naso disegnando una striscia marrone a mo’ di baffi è una riconosciuta pratica sessuale chiamata Dirty Sanchez.

Se continuate a distrarvi devo pur richiamarvi, no?

Stavamo parlando della regolamentazione dell’Internet. Ora, Internet è un posto interessantissimo in cui ognuno di noi è libero di fare ciò che vuole.

Potete caricare le foto della vacanza a Sharm  e di ogni singolo cammello con cui avete avuto l’onore di posare, potete aprire un forum dedicato ai manga erotici giapponesi i cui unici contenuti siano immagini scannerizzate di Bulma che fa un pompino a Goku trasformato in Super Sayan di quarto livello mentre Vegeta eiacula su una versione gay di Gohan vestito da donna e link per scaricare film di merda a 20 kb/s da un sito polacco che richiede quindici registrazioni e altrettanti captcha; in poche parole non c’è limite alle possibilità che ci offre il web, e ognuno di voi lo sa bene e continua gioiosamente a riversarvi la propria straripante personalità, spargendo a piene mani manciate di foto, commenti, mi piace, soldi per comprare trattori virtuali.

Con questo voglio dire che Internet è una discarica a cielo aperto e che ogni stronzo può saltare la recinzione e gettare preservativi usati e confezioni vuote di patatine dove cazzo gli pare. Inoltre ci portate il cane a cagare, vi ho visti, voi e quei vostri cani del cazzo che cagano roba verde che puzza come viscere di marocchino morto.

E io abito vicino alla discarica e sono costretto a sorbirmi la vostra puzza e le vostre cartacce virtuali. Smettetela.

Una volta un mio amico mi ha confessato di essere gay, io ho detto a tutti che era frocio e lui per la vergogna si è impiccato, sua madre ha trovato il cadavere appeso, le è venuto un infarto ed è morta stecchita sul pavimento della cucina.
Non sembra anche a voi un ottimo soggetto per un film italiano?
Potrebbero chiamarlo “La finestra del buio solitario”, o “Amore piangente d’autunno”, fare interpretare il gay a Vaporidis, metterci una colonna sonora con pezzi di Mengoni, riesumare il corpo di Pasolini e pisciargli addosso e dargli fuoco per fare pubblicità.

Ma torniamo alla vostra presenza su Internet. La vostra mefitica, viscida presenza che infetta come un virus ogni scampolo di purezza virtuale.

Voi vi divertite a riprendervi mentre giocate a Slender infarcendo ogni secondo di video con commenti infantili e facce buffe che tentano penosamente di imitare quelle di Youtubers anglofoni, voi commentate polemicamente articoli giornalistici riportando con aria di superiorità stralci di informazioni trovati su Wikipedia scritti da un sedicenne di Bari che nella vita gioca a PES e compra erba da fumare guardando Big Bang Theory sub ita, insultate i fascisti  e i comunisti e i cattolici e gli arabi e i vegetariani cattivi che strisciano di notte nella vostra cameretta per farvi prendere gli spaventi, voi inneggiate a Grillo e alla libera informazione e all’importanza dell’apertura mentale e poi passate ore a guardare le unghie dei piedi di Beyoncé su Repubblica e a scaricare la mod per scopare le negre in San Andreas mentre Mark Twain e Ray Bradbury vi guardano impassibili dalle vostre polverose librerie.

Mi fate schifo.
Mi fate schifo perché fate quello che faccio io, mi fate schifo perché sguazzate in queste puttanate giorno dopo giorno e poi venite qua a leggere le cazzate che scrivo contribuendo ad alimentare questo circolo vizioso di merda digitale, mi fate schifo perché siete come me.

Perché a noi piace ingrandire la tetta della velina troia che si scopa il calciatore, ci piace vedere lo spezzone della puntata di Pomeriggio Cinque in cui la Ferilli si è dimenticata il reggiseno, ci piace sfottere il pirla che si filma mentre balla l’Harlem Shake, ci piace dire la nostra su qualsiasi argomento di cui sappiamo tutto ma non conosciamo  niente.

Internet è il nostro parco giochi del cazzo e quanto è vero Iddio ci porteremo i cani a cagare, mangeremo le nostre patatine alla paprika e getteremo le cartacce a terra sbattendocene i coglioni dei cestini appesi agli alberi, parleremo a voce alta gesticolando e bestemmiando infischiandocene di svegliare il tizio che dorme tranquillo steso su una coperta, calpesteremo le cazzo di aiuole e pisceremo nei cespugli, importuneremo le ragazze, offenderemo la sensibilità degli anziani seduti sulle panchine parlando di argomenti sconci e guardandoli con aria arrogante, fumeremo sigarette e lasceremo montagne di mozziconi ovunque, raderemo al suolo le giostre, faremo a pezzi il castello con lo scivolo e daremo fuoco ai resti e danzeremo attorno alla pira cantando e pestando i piedi.



9 commenti:

  1. Scusa, Faina. Tutto bello, però vorrei richiamare la tua attenzione su un termine poco, anzi, per niente politically correct e gradirei che, nel rispetto di tutte le comunità, evitassi la seguente parola: Mengoni.

    RispondiElimina
  2. Grezzo cazzo! Wow! Concordo comunque con la parola ''Mengoni''. Urta la sensibilità di molti. Per favore sù...

    RispondiElimina
  3. internet per il 90% é merda così come la società é composta di merda per il 90%

    RispondiElimina
  4. è la prima visita al tuo blog e mi ritrovo così tanto nella merda che hai descritto, che non posso che volerti bene assje!

    RispondiElimina
  5. BARVO.E' bellissimo entrare a caso in un blog e trovarci saggezza e cinismo.

    RispondiElimina
  6. il peggio del peggio lo trovi nei forum,leggi quattro o cinque messaggi di quella gentaglia e ti sembra di spiare una riunione di nerdacci che parlano in codice di come conquistare il mondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione...Senza contare quelli che si fanno pure i GDR nei forum

      Elimina