Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

09 giugno, 2011

Elezioni 2011

Ma che cazzo è preso alla gente?
Che cazzo è tutta questa felicità improvvisa?
Ma davvero pensate che stia per cambiare qualcosa? Ora c’è Pisapia, c’è De Magistris, la Lega rompe il cazzo al PdL, il referendum si farà… e allora?

Cazzo vi credete? Non cambia mica un cazzo. Non vi fate illusioni. State esultando come quando era stato eletto Obama. Ma non mi pare che quel negro anoressico abbia fatto chissà che cazzo di miracoli.
Datevi una calmata. Non succederà niente di niente. Ora abbiamo la sinistra che prende coraggio e magari magari sale pure al potere. E allora?

Che cazzo vi aspettate dalla sinistra? Sono le puttane della destra. La destra è il pappone, la sinistra è la puttana spaventata che vorrebbe tanto ribellarsi e far valere i propri diritti, e l’unico modo che conosce per farlo è continuare imperterrita a succhiare cazzi.

Mio dio, è un ciclo che si ripete, non c’è speranza. Voto, democrazia, referendum, unicorni fatati: sono tutti allo stesso livello, sono solo parole che cercano di esprimere concetti vaghi e/o inesistenti. Personalmente credo che l’idea di un’astronave precipitata a Roswell nel New Mexico nel 1947 sia più plausibile dell’idea che Vendola e Di Pietro possano salvare il culo all’Italia.

Di Pietro, dannazione, che dio stramaledica lui e quella fottuta penna che brandisce come una spada a ogni fottuta intervista. Sembra una specie di Dartagnan logorroico. E dovrei proprio smetterla di parlare di politica perché mi sale l’acidità di stomaco e mi tremano le mani, ma non ce la faccio, è più forte di me, incazzarmi con questi buffoni e una specie di droga di cui non riesco a fare a meno, un po’ come quando è mezzanotte e il giorno dopo devi lavorare e sei su YouPorn e pensi “Ok, ora guardo l’ultimo video e poi BASTA VERAMENTE” e puntualmente ti ritrovi alle tre di notte a cercare ASIAN BOOBS col cazzo in tiro e gli occhi che lacrimano.
Qualcuno mi fermi.

Ma torniamo al discorso principale: il vostro ingiustificato entusiasmo per questo presunto vento di cambiamento che sta per spazzare via la merda di destra e tutte le sue vergognose macchinazioni. Tsk.

Esatto, il mio commento alle vostre ingenue e false speranze è proprio “Tsk”, come su Topolino, quando Paperino giura e spergiura che entro la fine della settimana riuscirà a pagare il suo debito e Zio Paperone lo guarda con disprezzo dall’alto della sua montagna di soldi e potere e fa “Tsk” e sa benissimo che Paperino è il solito stupido nullafacente e che nemmeno in un milione di anni riuscirà a pagare quel cazzo di debito. E poi lo manda a lucidargli l’auto e a tagliargli l’erba del prato.

Ecco, voi siete Paperino, un’ insignificante idealista imbecille bravo a parole ma che vale meno di zero quando si passa ai fatti. E io sono Zio Paperone, con cento fantastiliardi di dollari in meno, ma abbastanza realista e cinico da potervi sfottere e stroncare sul nascere i vostri insulsi balletti di vittoria.

Volete il cambiamento? Vaffanculo i quattro sì, vaffanculo le cinque stelle di Grillo, vaffanculo Vendola e il suo orecchino, vaffanculo Annozero.
Vaffanculo la sinistra. Volete davvero rimettere in sesto il governo?
Bene, allora invece di fare i vostri fottuti pacifici cortei alla Gandhi sventolando striscioni satirici con slogan che sembrano rubati dalle battute di Spinoza cominciate invece a organizzarvi per falciare sistematicamente ogni tizio sgradito che ricopre qualche carica istituzionale.

Dai che sapete di cosa sto parlando. Un caso recente? Guarda Gheddafi: era uno stronzo, e con la forza sono riusciti a fotterlo. Guarda Saddam. Guarda, nella storia, qualunque cazzo di dittatore o governo del cazzo che non veniva incontro alle aspettative dei cittadini.
Guarda, in sequenza, Luigi XVI, e Robespierre, e Napoleone. Il primo non andava bene, l’hanno ammazzato e c’hanno messo il secondo. Ma il secondo non andava bene e l’hanno ammazzato e c’hanno messo il terzo. E via così, perché questo è il metodo giusto: cacciare fuori dalle balle quello che non va bene, e provare con qualcosa di nuovo, e se ancora non va bene allora bisogna continuare a cacciare fuori dalle balle la merda e riprovare con qualcos’altro, e ancora, e ancora, e via così, affinando e limando e migliorando costantemente e gradatamente fino a che, un giorno, non si raggiungerà qualcosa di abbastanza decente.

Nessuno ha mai vinto manifestando pacificamente. E’ la storia, bambini, non è l’opinione scriteriata di un pazzo. E’ facile venirmi a dire che la violenza non serve, che c’è bisogno del dialogo, che non siamo presi così male da giustificare certi metodi. E’ facile dire qualsiasi cosa. Poi però vai a guardare la cose a distanza di anni e con una prospettiva diversa e scopri che, ma guarda un po’, c’avevo ragione io. Tsk.



38 commenti:

  1. 'mazza quanto c'hai ragione.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Hai dimenticato Ceausescu, che mi ha donato l'unica immagine positiva, concreta, migliorativa, di tutto quel cambiamento nell'Europa dell'est. Sano folclore alla Sergio Leone, tanto piombo e poco fumo se non quello della canna dei fucili, giusto prima che arrivassero i ben pensanti della civiltà occidentale, che prima l'avrebbero portato al tribunale europeo e quindi rimandato a casa per problemi di salute, il caro vecchietto.
    Con la differenza che in questo film "buona la prima!" in ogni caso. Sarebbe ora di far capire a qualcuno che non esiste solo la fiction dei buoni propositi verbali e lo squallore del fottereilprossimo reale... a volte i due piani si sovrappongono e allora si fa il pieno al botteghino.
    Preservati il fegato, perché quando anche da noi cominceremo a issare le forche per i blablabla della politica, serviranno braccia robuste e fisici sani.
    Kisciotte
    ps: all'occorrenza hai anche tube8 per fare l'alb

    RispondiElimina
  4. Se chiudo il cervello ho sempre ragione io e a morte chi non è daccordo, e ho di sicuro la soluzione a questo (conformismo) schifo politica,schifo confindustria,schifo...bla..bla,che bravo sembro non uniformato e smaliziato a parlare così, in realtà mi sembra un po' come l'inquisizione che non era molto progressista e eliminava coloro che non erano allineati, mi pare la totale mancanza di cogliere le sfumature,ma sarebbe troppo in un mondo auspicato in B/N quindi avanti con i conati che ci uniformano sempre di più con l'illusione(ancora non capisco come mai) di essere unici,irripetibili, trasgressivi, irriverenti, solari,ma tanto è.
    Saluti

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Almeno Paperino si scopava Paperina, tu continua a masturbarti con i tuoi cento fantastiliardi di dollari in meno.

    Comunque uniformati o non uniformati, hai ragione. Meritano la forca quei politicanti figli di puttana.

    RispondiElimina
  7. Ok, nel frattempo però vota "sì", che voglio
    divertimi a vedere cosa inventa Silvio stavolta.
    Così, per ridere.

    E per non lasciare Travaglio disoccupato.

    RispondiElimina
  8. E cazzo, quando l'ho proposto io, mi hanno subito fatto notare che le cariche della polizia fanno male, che qui non si fa' la rivoluzione, che la pasta è scotta.

    RispondiElimina
  9. Ah, cazzo. Finché non ho letto "vaffanculo le cinque stelle di Grillo", ho avuto paura di essere capitato sul blog di Grillo.

    Sottoscrivo gran parte di quello che dici, tranne due cose. La prima è che Gheddafi non l'hanno ancora fottuto, purtroppo, e mi piacerebbe che lo facessero i Libici a farlo, come dici tu, anziché un esercito straniero.

    In secondo luogo, non è che tutti quelli che sono contenti della vittoria di Pisapia e De Magistris contro candidati impresentabili vedano l'evento come la definitiva svolta di cui l'Italia ha bisogno: se non vedo fica per tre anni, una che mi fa una sega coi piedi è una manna dal cielo, ma ciò non vuol dire che sia Dylan Tyler in tenuta da My Friend's Hot Mom.

    Anche se molti la vedono così.

    RispondiElimina
  10. Gli alieni di Roswell non hanno nessuna colpa, non dovevi metterli in mezzo.

    Revolution is the only Solution.

    RispondiElimina
  11. Saddam e Gheddafi sono stati tirati giù dal popolo perché erano dittatori cattivi? Sì, sul sussidiario di 5° elementare.

    Saddam è stato messo lì proprio perché facesse il dittatore. E l'hanno fatto fuori quando non stava più ai patti con gli USA. Altrimenti, dei Curdi, non sarebbe fottuto un cazzo a nessuno.

    Gheddafi?
    Quelli che si sono ribellati sono cittadini libici? E tu che ne sai?
    Paghi due o tre militanti cazzoni perché facciano casino. Gheddafi reprime nel sangue. E tu hai il culo coperto dall'ONU per andargli a sfilare il petro, ehm, il paese.

    No, cosa dico. Vedrai che ora Francia e USA andranno ad aiutare i massacrati nello Yemen. Ma forse no, perché non c'è un cazzo di niente nello Yemen, che si ammazzino pure.

    Allora, prima di parlare di Gandhi o rivolta armata, bisogna che la gente capisca contro chi fare la rivolta. Per come si comporta, a ora, dovrebbe farla contro sé stessa.

    Dopodiché, son convinto che abbiano votato PD perché Berlusconi con quello che ha fatto perderebbe anche contro un Buondì. Ma, potessero, voterebbero altro.

    La ventata non è per il referendum. E' perché la gente forse forse, sentendo premere nel culo, comincia ad accendere il cervello. Oltre che contribuire allo stipendio milionario di quel coglione che ci ricorda che siamo sempre quelli di Piazzale Loreto. Fossimo ancora quelli, non staremmo in questa merda. Quindi qui ti do ragione. Ci scorderemo in fretta.

    Ciao, potevi anche rispondere alla mail.

    RispondiElimina
  12. L'unico buono era Gheddafi.
    Ps: chi non vota il 12-13 giugno ha la faccia come il culo.

    RispondiElimina
  13. @ L: forse hai frainteso o forse mi sono spiegato male. parlavo più che altro del fatto che il popolo si è ribellato. e del fatto che è una verità storica quella che vede la trasformazione di un tipo di potere in un altro attraverso una presa di coscienza sostenuta da una rivoluzione più violenta che no. il popolo si è ribellato, nel senso che è effettivamente sceso per le strade a fare casino. che siano stati gli USA quelli che hanno formentato le rivolte o no, non cambia il fatto che il popolo stanco della situazione si è messo in gioco. non metto in dubbio il valore di un'entità (che può essere o no) esterna che da il via alla cosa, so bene che le rivolte vengono decise a tavolino da un cerchio ristretto di gente che ha sempre il proprio tornaconto, ma senza il supporto del popolo, non sarebbero andati da nessuna parte. che poi il popolo (ignorante) sapesse che stava facendo gli interessi di qualcun altro, per me conta poco, almeno nell'ottica del post. buttare giù saddam o gheddafi ha aiutato degli stati esteri? ok, nessun problema, buon per loro, ma di sicuro farà bene anche ai cittadini vedere rovesciato e cambiato quel certo tipo di governo che avevano prima. che poi il tutto cambi in meglio o in peggio, è da vedere. intanto è un inizio, intanto si può dire che la gente è scesa nelle strade, magari per farsi ammazzare, ma alla ricerca di un sistema di governo migliore e contro il vecchio sistema che non andava più bene. è sempre un gran passo avanti quando la gente smette di protestare a bassa voce su facebook e inizia a rompere vetrine e bruciare case e progettare attentati contro i dittatori. quello che volevo esprimere è che di questo passo ci arriveremo anche noi, quando smetteremo di gioire per la vittoria democratica di incapaci di sinistra, convinti che rappresenti un cambiamento epocale o cazzate simili. il nostro governo e la nostra politica devono cambiare radicalmente, e non saranno i referendum o Pisapia a darci una mano.

    Quale email??

    RispondiElimina
  14. Faina, sai che dal post sembravi più un cazzone e meno un cazzuto?
    sei un bravo ragazzo, se ti becco in giro ti schiaffo la lingua in bocca

    RispondiElimina
  15. I baci li danno le femminucce e gli uomini sessuali.

    RispondiElimina
  16. Riguardo il commento di faina: condivido in pieno, poco importa se vai a fare footing in riva al mare per fare colpo sulle fighe, non importa cosa ha innescato il movimento, qualunque sia il movente il corpo ne trae comunque beneficio.
    L'unico distinguo da parte mia è che fino all'ultimo provo la via maestra degli strumenti civili e istituzionali, proprio perché quando li abbandono non ho più né remore né incertezze.
    Quando alla fine si riporta alla realtà del linciaggio i politici digitali alla second life, nessuno deve poter dire che non si è avuto abbastanza tempo per ravvedersi.
    Via istituzionale fino all'ultimo, cosi che quando il vaso tracimerà non ci saranno dubbi, e la second life andranno a cercarla all'altro mondo.

    RispondiElimina
  17. Siamo tutti capaci di invocare la rivoluzione. E hai ragione che siamo qui a postare l'articolo dell'economist,del fatto,il trenino del referendum su facebook. E lo facciamo con l'Iphone o il Blackberry chiaramente. A Milano ha vinto uno che nessuno fino a 6 mesi fa sapeva chi era ma siam tutti corsi in piazza a festeggiare come se avessimo vinto i mondiali. E c'era anche la gente che ha votato dall'altra parte, tutti amici tutti ubriachi. Nel frattempo ci siam scordati che la riforma sull'istruzione è passata e dopo che tutti eravamo andati a farci vedere sui tetti non ce ne è uno che sia tornato sull'argomento. Oggi siamo tutti eco poi a far la spesa ci andiamo col suv e non vediamo l'ora di farci una bella coda in autostrada per il weekend di sole. O comunque siam felici che il meccanico manco ci ha detto quanto è il conto con la fattura. Adesso c'è la moda della bici, della fixed, ma al sabato sera si esce solo in macchina. Siamo tutti eco tutti green! Vorrei sapere quale è l'italiano che va in piazza a farsi ammazzare...trovatemelo! Ma anche solo quello che rischia di farsi arrestare: chi quello che lavora perchè l'ha raccomandato il padre? Quello che a 30 anni vive con la mamma?

    RispondiElimina
  18. @ Anonimo: non si può correggere nemmeno una virgola di quanto hai detto. Infatti quando certe situazioni precipiteranno non saremo più qua a raccontarcela digitando su un blog, quando ci sarà veramente la crisi non se ne dibatterà bevendo birra in un pub, ma ci sarà gente che morirà di fame e allora ciò che oggi appare sovversivo sarà ordinarietà. Oggi c'è chi è incoerente e si comporta esattamente come dici tu (sono green e di sinistra, ma mi muovo in auto perché sui mezzi pubblici c'è gente maleodorante... ma sono moderno eh! non dubitate.... ma ammazzati!). Se si va avanti così è solo questione di tempo e alla fine a forza di non lavarsi i capelli i nodi vengono al pettine, e allora il capello si strappa o il pettine si rompe. Per ora basta non essere conniventi con certe ipocrisie di chi predica il cambiamento ma nei fatti ha il terrore di perdere i suoi diritti universali a continuare a fare i propri porci comodi: che crepino tutti, io la mia adesione mettendo la sciarpetta a tema pro tibet o pro minchia o pro pisapia l'ho data... più di così... e quindi ora ho diritto alla mia partita sulla pay tv o l'aperitivo con gli amichetti. Gli altri crepino senza disturbare, grazie.
    Anonimo, finisco come ho iniziato, condivido ciò che hai scritto. La Storia ha i suoi tempi, quando arriveranno ce ne accorgeremo un istante dopo. Fino ad allora distinguersi da chi predica bene e razzola male è già qualcosa... sai le litigate quotidiane con i soggetti da ecologia con il culo sempre sul sedile dell'auto e i rivoluzionari da sala cinematrografica.

    RispondiElimina
  19. E tu credi possibile una rivoluzione a breve/medio termine qui in Italia?

    RispondiElimina
  20. Incredibile, si parla di politica e non partono insulti? Ci penso io: siete tutti dei figli di puttana

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Sì ma sono questi gli estremi per una rivoluzione? Il "popolo" di solito si rivolta perchè ha fame, non perchè il presidente del consiglio fa schifo. Non vi state facendo prendere un po' troppo la mano con queste discussioni sulla rivoluzione?

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. Mi dispiace per la vostra situazione. Davvero. Ma sono sicuro che della mia compassione te ne fai ben poco. Hai mai pensato di andare via dall'Italia per cercare lavoro da un'altra parte?

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Io speravo nella vittoria del no.
    Una bella centrale nucleare di prima generazione vicino a qualche città piena di berlusitalioti non avrebbe avuto prezzo.Pazienza.

    RispondiElimina
  27. Guidos il problema è che non esistono città di soli berlusconiani...

    RispondiElimina
  28. Pipino il breve14 giugno 2011 11:24

    Mia moglie ultraberlusconiana è andata a votare 4 NO, roba da costruirgli una statua. Io 4 SI e non sono comunista, non sono un verde, e non sono un cazzo di niente ma ho dato solo un mio parere, non capisco quale sia il problema.
    Dimenticavo non sono per la violenza, non voglio una rivoluzione o una guerra nel mio paese, vorrei soltanto che i politici facciano quello che gli diciamo noi di fare, se poi se ne sbattono del referendum io non li voto e non voto neanche il meno peggio, non li voto e basta.

    RispondiElimina
  29. Questo personaggio lo fa già Qualcosa del Genere.

    gep

    RispondiElimina
  30. La legge della rivoluzione è molto semplice: più si abbassa la soglia di bisogni primari quotidiani garantiti, più si alza il contenuto di insofferenza sociale. Quando la misura si colma, quando i motivi di ribellione (malessere) superano i motivi di apatia (benessere), si entra in modalità rivoluzionaria, ovvero si abbandona il contesto della quotidiana convivenza, convenienza, e buon senso.
    Anche se Mesic probabilmente è vicina alla soglia, purtroppo la nostra società è ben lontana da soglie rivoluzionarie. Per ora non è a rischio, nei più, nemmeno la vacanza, l'auto, la cena al ristorante... Sono altri gli scenari prerivoluzionari. Purtroppo delle minoranze svantaggiate non bastano a innescare alcunché. Vero è che con questa tendenza prima o poi gli svantaggiati saranno sempre di più. E, come adesso è improponibile, allora sarà inevitabile che i deterrenti sociali (codice penale) non inibiranno più alcun che. Gli ideali servono a dire belle parole, magari fuori luogo e fuori tempo, ma è la pancia vuota, da sempre, a innescare le rivoluzioni.
    Perché non tutti i rivoluzionari sono intellettuali. Ma tutti, rivoluzionari o no, hanno uno stomaco.

    RispondiElimina
  31. @Anonimo se tu riesci a pensare a QdG leggendo Faina hai qualche problemino...non hanno nemmeno lo stesso stile cazzo.

    RispondiElimina
  32. Vorrei sapere dove trovate il tempo di scrivere e commentare su un blog, visto che sicuramente state tutti preparando la rivoluzione necessaria.

    RispondiElimina
  33. Ok, allora restiamo a succhiarci il pollice e a piangere come pupetti. Almeno piglia due molotov e vai ad ammazzare la Gelmini!

    RispondiElimina
  34. "Luca fosse solo il premier! Emix non è il popolo effettivamente ma vedere il mio ragazzo che va avanti a pasta e burro perché prende 400 euro al mese e deve pagarsi l'affitto la spesa e le bollette e io senza lavoro che cerco di trovare soldi e cibo per lui da rubare in casa dei miei perché ora non guadagno un cazzo beh è frustrante e non credo siamo gli unici in questa situazione. Altro che rivoluzione! è che la maggior parte si illude di avere speranza in un miglioramento io sto iniziando a perderla sta speranza."



    Chiariamo una cosa : Emix conta più di trenta milioni di italiani, per me.

    RispondiElimina
  35. Siete tutti dei ganzi.




    Morg

    RispondiElimina
  36. il negro anoressico sta cambiando il volto dell'america. tendi troppo spesso a parlare di cose di cui non sai un cazzo.

    RispondiElimina
  37. @bob:

    Scommetto che te l'ha raccontato tuo cugino, quello che vive in Oklahoma e che ha un'assicurazione sanitaria fantastica e non ha dovuto mandare i figli in Iraq.

    RispondiElimina
  38. no, te lo dico io che vivo nel missouri, ho un'assicurazione sanitaria coperta dall'azienda che mi ha assunto (tempo indeterminato ovvio), e non ho dovuto mandare nessuno in iraq.

    RispondiElimina