Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

03 maggio, 2011

Pusher

Scusate per la lunga assenza, ma presumo che nessuno di voi sia morto per carenza di miei post, quindi proseguiamo pure.

Questa volta vorrei parlare di un argomento che VI sta particolarmente a cuore: i pusher.

Esistono diversi tipi di pusher a seconda della sostanza che vuoi assumere, ma generalmente tutti quanti hanno una cosa in comune: partono con la marijuana, e alla marijuana rimangono sempre legati e sapranno sempre come rimediarti due grammi di skunk o un po’ di pakistano nero, anche se li chiami alle due e mezza di venerdì notte in preda a una crisi isterica perché ormai i bar sono chiusi e tu hai assoluto bisogno di assumere qualche droga nonostante il tuo budget limitato.

Ci tengo a precisare che tutto ciò che sto scrivendo non è assolutamente frutto di esperienze personali e vorrei ricordare a tutti che l’utilizzo di droghe illegali è UN REATO perseguibile per legge, così come sono reati anche, mah, che ne so, diciamo pure l’incitamento alla prostituzione e la corruzione di testimoni. DON’T TRY THIS AT HOME.

Come si presentano i pusher?

I pusher solitamente aderiscono nel modo di vestire e nello stile di vita a una sottocultura giovanile che può essere quella dell’hip-hop, quella del metal, quella dei truzzi, quella dei rasta, insomma tutte quegli “stili” di vita che ti portano inevitabilmente da nessuna stracazzo di parte e che durano cinque o sei anni fino a quando ti accorgi che il destino sta complottando affinché tu la smetta di vestirti come un idiota e inizi a indossare camicie e a cercarti un lavoro.

Onde per cui può capitare di trovare un pusher completo di cappellino da baseball con stampate su delle frasi da negro in colore rosa-verde-blu evidenziatore e magliette XXL recanti scritte imbarazzanti e intraducibili del tipo C’MON BIOTCH GIMME DA SHIT o FRANKLIN & MARSHALL.

E tutti invariabilmente ti salutano con un “Ehi man!” o “Ehi bro!” o “Bella!” e ti porgono la mano per ricevere una di quelle strette particolari da negro che vedi nei video con 50 Cent e Lil’ Wayne. E tu ti senti molto american style e molto cool e molto gangsta e molto povero pirla mentre ricambi quelle loro strette particolari e non vedi l’ora che ti sgancino il ventino e se ne tornino affanculo nel buco di merda da dove sono usciti, pronti ad ascoltare i primi due CD di Fabri Fibra “perché quando non si era ancora venduto il Fibroga spaccava” e a fumare in compagnia delle canne inverosimili guardando film-commedia demenziali in streaming nello scantinato dei genitori di uno di loro. YO MAN, ma quanto sono carini i piccoli rapper in erba.

Oppure se ti va male ti ritrovi quelli metal.
Ecco, quelli metal ti vendono il fumo solo se il tuo abbigliamento rispetta i loro esigentissimi standard che si tramandano di generazione in generazione fin dagli anni ’70, quando i componenti degli Iron Maiden non avevano ancora problemi alla prostata. La preistoria è così affascinante.

Prova a comprare il fumo da un metallaro indossando una polo della Ralph Lauren e scoprirai come un sassolino marrone ripieno di merda con un valore di THC quasi pari a zero possa arrivare a costare PER TE una ventina di euro.
E in più ti dovrai sorbire sorrisetti strafottenti, occhiate perplesse/disgustate, e ognuno di loro si fumerà una Lucky Strike solo per il gusto di sbuffarti il fumo addosso e fartela così simbolicamente pagare per non aver scelto il loro supremo stile di vita quando avevi tredici anni e stavi cercando la tua strada nel mondo.
Il consiglio che vi do quando fate affari con questi selettivi signori è quello di mantenere un’espressione impassibile sul viso, sbarrare gli occhi, staccare la testa di un pipistrello a morsi e sputare spesso per terra. Sputare per terra li tranquillizza perché vedono che anche voi come loro “ve ne strafottete del fottuto sistema” e così possono tornare placidamente alle loro gioiose vite costellate di riff di chitarra di Slash e masturbazioni furiose basate su sogni erotici che prevedono giubbotti di pelle, motociclette e Megan Fox che beve birra tedesca versandosene una buona parte sulla maglietta dei Judas Priest. ROCKENROOOOLLLL!!!!! UUUAAARRGHHH!!! TANANANNANANNNNNN!!! ZZZZIIIN ZAAAANNN WREEENWREEENN TATAANANANAN!!! (assolo di batteria, basso squassante, chitarra indemoniata, cocaina su un cucchiaio.)

Ovviamente vorrei ricordare che tutto questo non è frutto di esperienze personali. Mi ha raccontato tutto mio cugino, quello che si fa le canne. Io trascrivo soltanto.

Già che ci siamo parliamo brevemente dei pusher di sinistra.
I pusher di sinistra possono appartenere a qualsiasi categoria (punk, hip-hop, truzzi, studenti universitari di scienze politiche) ma una cosa che li accomuna è il loro saldo e ben radicato ODIO PER BERLUSCONI.

“Ciao Luca!”
“Ehi ciao Matteo, come ti va?”
“Male. Berlusconi è riuscito a far passare la legge sulle intercettazioni.”
“Ah, sì. Io invece ho un po’ di raffreddore questa settimana.”

Dio come odio quelli che non sanno fare altro che lamentarsi di Berlusconi.
Cominciate ad agire e compratevi un fucile e sparategli, cristodiundio, e finitela una buona volta di passare il vostro tempo a corrugare la fronte e ad assumere un tono di voce sconsolato/astioso commentando il numero dei peli delle palle di Berlusconi rinvenuti attorcigliati attorno al clitoride di Ruby che verranno portati come prova a carico durante il processo.

Possono passare ore e ore a raccontare le malefatte di Berlusconi. Hanno letto tutta la bibliografia di Travaglio sette volte, leggono il Fatto Quotidiano, hanno un santino di Beppe Grillo nel portafogli, deridono Studio Aperto, hanno i genitori che votano Lega Nord.
E, in quanto pusher e fumatori accaniti, pubblicano link su Facebook che chiedono la depenalizzazione della marijuana e sembra che tutta la loro vita abbia il solo scopo di rendere libera la coltivazione della cannabis, ma se gli chiedi quale sia l’unico partito in Italia che si propone la liberalizzazione delle droghe non sanno che cazzo risponderti e tu ti chiedi “ma chi stracazzo votano alle elezioni questi ignoranti pseudo comunisti del cazzo?”.

(E’ il Partito Radicale, teste di cazzo. Ora smettetela di votare Di Pietro, dai. O perlomeno cominciate a farlo quando imparerà ad esprimersi in italiano.)

Ah, i pusher. Una categoria di gente assolutamente straordinaria. Sempre pronti a venderti qualcosa, sempre disposti a fumarsene una in compagnia, sempre desiderosi di mostrarti l’ultimo assurdo e psichedelico video di zombie trovato per caso su Youtube il giorno prima mentre erano strafatti. Voi non avete idea di quanti fottuti video del cazzo ho dovuto sopportare in vita mia ogni volta che andavo a casa di uno di loro. E quando dico che ho dovuto sopportarli intendo dire che ha dovuto sopportarli mio cugino.

“Oh amico guardati sto video che è da paura!”
“Cazz’è sta roba?”
“Sono aborigeni australiani che ballano nudi intorno a un albero di mele in una notte di plenilunio”
“Oh… bello. Senti, allora facciamo venti euro?”
“Sì sì aspetta aspetta oh guardati questo qua prima”
“Mmm.. cos’è?”
“Obedece a la morsa”
“Mmm.”


31 commenti:

  1. Anch'io ho un cugino che si fa le canne e che mi racconta più o meno le stesse cose... tranne il video finale...

    RispondiElimina
  2. Senza contare che un amico, gino, di un amico di un mio amico passa i soldi al pusher con una stretta di mano, così nessun occhio indiscreto sospetterà mai.

    Senza dimenticare l'intelligenza di certi soggetti che chiamano al cellulare questo tale amico di amici, gino:

    "Ehi gino, vuoi una caramella?"
    "Cosa?"
    "Capisci a me, vuoi una caramella?"
    "Eh?"
    "Erba, ho l'erba buona!"

    RispondiElimina
  3. Minchia il video finale è un cimelio

    RispondiElimina
  4. Ah, allora dici che è per quello che non ho ancora trovato un lavoro? Dovrei mettere la camicia ai colloqui, anzichè la maglietta strappata degli Slipknot?

    RispondiElimina
  5. se scrivi senza sapere nulla di quello di cui vuoi scrivere che cazzo scrivi?
    esercizi di stile su una sociologia immaginaria, su un'accozzaglia di tipi antropologici che vivono solo nel tuo bisogno di fare un post?

    e comunque il consumo per uso personale e il possesso di modiche quantità è legale (ma forse tu vivi a Riyadh?) quindi altra caterva di boiate. tu fattela una canna ogni tanto e frequenta qualche pusher. votano tutti PD.

    RispondiElimina
  6. Manca il paragrafo sui pusher truzzi...!!! :-O

    Comunque i metallari si fanno le seghe sulle Suicide Girls! :-P

    RispondiElimina
  7. Vorrei scrivere un commento ma non posso sennò finisco in galera.
    Come faccio a diventare tuo cugino?

    RispondiElimina
  8. Pipino il breve3 maggio 2011 16:01

    è vent'anni che voto i radicali e il risultato è che mi sento un coglione, non fumo più uno spinello e non vedo neanche un coffee shop aperto.
    Al prossimo giro provo con la Lega

    RispondiElimina
  9. @ écudielle:

    non è vero che non so nulla di quello di cui scrivo, ho specificato che ho un cugino informatissimo che mi passa tutte queste informazioni così succose da poterci fare un post. e ogni tanto mi presta pure qualche gioco per la play e dei fumetti troppo fighi!!! e conosce pure il fratello di un amico di uno che era alle elemnetari con il vincitore del grande fratello, pensa te. lui sì che è un uomo di mondo, non come me che me ne sto sempre tappato in casa e non so nulla della vita.

    non sapevo che il consumo per uso personale e il possesso di modiche quantità fosse legale qui in italia, ma se mio cugino l'avesse saputo sono sicuro che avrebbe sicuramente cercato di spiegarlo al prefetto che gli ha fatto ritirare la patente di guida!!! grazie per l'informazione.

    RispondiElimina
  10. faina, dicesi sanzione amministrativa, non penale, quindi depenalizzata.
    su tutto il resto, mio cugino mi ha raccontato che una volta è morto (diceva elio)

    RispondiElimina
  11. écudielle, forse mi sono perso qualcosa, ma hai scritto che "il consumo per uso personale e il possesso di modiche quantità è legale", e su questo non sono molto d'accordo. forse stiamo parlando di due cose diverse o forse viviamo in due parti dell'italia molto diverse. illuminami perchè temo di non capire quello che stai dicendo.

    RispondiElimina
  12. ecudiélle for president (a Riyad, ovvio!)

    RispondiElimina
  13. @ecudielle: Legale un cazzo.

    Se c'è sanzione amministrativa significa che stai commettendo un reato: conosci la distinzione tra delitto e contravvenzione?

    RispondiElimina
  14. Non è un reato penale. O la differenza sfugge?
    Faina, se vuoi fare il/la cattivo/a sarcastico/a del web ironizzando sull'antropologia dei pusher a scopo di dire qualcosa di ovvio del PD, fai pure ma stona il tuo bisogno di mettere le mani avanti e dire che la droga è illegale (accomunando usi e utenti diversi che la fini giovanardi distingue) perché uh oh il grande fratello della blogosfera è in ascolto.
    Insomma se vuoi inculare serve il cazzo duro da culo.
    È la mia opinione. Tu sei liberissimo/a di continuare a fare il/la bravo/a ragazzo/a.

    RispondiElimina
  15. noooo ma io ci avevo creduto al tuo abbandono del blog! PERCHÈ SEI TORNATO?? :D

    RispondiElimina
  16. ècudielle, sociologia immaginaria un cazzo, pure mio cugino mi ha parlato di pusher di quel tipo, anzi mentre leggevo il post di faina nelle mie orecchie risuonava la voce di mio cugggino.

    RispondiElimina
  17. Però mi sembrate tutti coglioni. La legge italiana parifica le droghe leggere a quelle pesanti. Se sei in possesso di marijuana ti segnalano come tossico e possono ritirarti la patente e farti delle sanzioni ma non ti mettono in carcere se la quantita è inferiore a quella stabilità dalla legge che mi sembra essere mezzo grammo. Che poi, non è tanto la quantità ma la qualità. Si parla di principio attivo della cannabis quindi dipende dalla merda che ti fumi, il principio attivo che si può possedere è molto limitato ma viene considerato ad uso personale se il limite viene rispettato e in teoria si può anche coltivare la cannabis per uso terapeutico ecc. e bisogna avere una specie di permesso per confermare che è solo a scopo di uso personale e non per spacciare. Solo che: la qualità lo spacciatore la sa, in quanto sa se è merda o roba buona, chi la compra, a meno che non sia un intenditore, non conosce quanto sia buona o meno. Infine il principio attivo e la sua quantità non si può comprendere alla sola vista della roba ma da un' analisi chimica che la polizia se ti becca non può fare. Quindi o vi beccate la polizia che si mette assieme a voi a fumare e non vi fa nulla oppure vi ritira patente ecc vi mette sotto la lista di tossici come gli eroinomani anche se la dose che avete può essere ritenuta legale e per scopo personale, insomma anche se legalmente un minimo è accessibile se vi beccano son comunque cazzi, non carcere ma sanzioni del cazzo. I semi non vengono considerati stupefacenti si possono collezionare! Wow!

    Dai Faina i miei studi in scienze politiche servono a qualcosa.

    RispondiElimina
  18. Qui non è proprio ben chiaro il significato di legale. Cosa che potrei accettare solo se scoprissi che ecudielle in realtà non è altro che lo pseudonimo di massimo ciancimino.
    E poi, dai mesic, io con mezzo grammo non mi faccio neanche mezza canna. Mio cugino, pardòn, mio cugino non ci fa neanche mezza canna.

    RispondiElimina
  19. Cos'è che non capisci, Faina? Anche l'alcool è legale, ma se guidi con dell'alcool nel sangue ti ritirano la patente.

    B.Laz.

    RispondiElimina
  20. Ma vi do uno schiaffo

    RispondiElimina
  21. Ché poi, a pensarci bene, aggrapparsi al Partito Radicale è veramente una presa a male.

    RispondiElimina
  22. Sei stato via tanto per trovare un video all' altezza del post?
    mio cuggino approva

    RispondiElimina
  23. Bah, io di spacciatori Metal non ne ho mai conosciuti. Purtroppo.

    RispondiElimina
  24. Scusate, sapete perchè non scrive più sul suo blog Osama?

    RispondiElimina
  25. Amo i pusher dei trans e non è detto che il cazzo da culo debba per forza essere d'acciaio, a volte e con la dovuta tecnica è sufficiente anche barzotto

    RispondiElimina
  26. faina succhia i cazzi ai morti

    RispondiElimina
  27. faina quel video è la cosa più inquietante che abbia visto dopo eraserhead

    RispondiElimina
  28. Ma il fatto "è un'esperienza di mio cugino" è una sofisticata parodia di tutti i truzzi che sparlano dei loro ipotetici cugini, o è perché ti vergogni di dirci che a 30 anni sei ancora un comunista strafatto?

    RispondiElimina
  29. Perchè te la prendi con me se mio cugino mi racconta certe cose?

    RispondiElimina