Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

24 maggio, 2011

Lavoro


Lavoro, in ufficio, seduto davanti al computer. Gente sconosciuta e insignificante e stupida mi passa davanti tutto il giorno, mi chiede cose di cui non me ne frega un cazzo, si aspetta da me un aiuto concreto. Non capiscono che io sto semplicemente facendo il mio lavoro, il che equivale a dire che preferirei essere dovunque nel mondo tranne che qui seduto ad esaudire le loro richieste?

Mi fa male il culo. Non pensavo che fosse possibile. Avevo sempre pensato che lavorare in ufficio fosse più semplice e più salutare che fare il muratore, invece lavoro qui da tre mesi e sono sempre piantato su questa dannata sedia per ore e mi fa sempre male il culo, mi fa sempre male la schiena, e sto ingrassando come un lardoso maiale del cazzo.

Il mio principale è una testa di cazzo. Io, proprio io che odio i luoghi comuni, mi ritrovo a dire questo: ebbene sì, il mio principale, capo, datore di lavoro, o come cazzo si vuole far chiamare, ecco, proprio lui, è una testa di cazzo.
Ho valutato attentamente  i pro e i contro della sua personalità, ho pazientato ed esaminato con obiettività la sua figura professionale e umana, e l’unica decisione che mi sento di poter trarre sul suo conto è che quest’uomo che ogni mattina devo salutare col sorriso finto sul volto è una delle più grandi teste di cazzo che io abbia mai incontrata in vita mia.
E dire che io sono fermamente convinto di vivere in un mondo dove tutti sono teste di cazzo tranne me.

Domani mattina penso che invece del solito: “Ciao, Giovanni!” userò una formula di saluto più raffinata, del tipo: “Buongiorno, faccia di merda!”.
Sono esattamente trentanove mattine che mi ripropongo di farlo. Domani sono sicuro che sarà la mattina giusta.

Ogni volta che vado al cesso a pisciare vorrei doverci impiegare ore. Vorrei che gli esseri umani fossero stati creati con il bisogno fisiologico di dover pisciare per almeno venti minuti. Invece ci metto sempre tre minuti del cazzo e poi devo tornare su quella fottuta sedia. Credo che se scoprissi chi è il tizio che ha progettato questa sedia arriverei a uccidere i suoi amici e la sua famiglia prima di legarlo a un lampione e puntargli una pistola alla testa e mormorargli all’orecchio: “Ecco cosa succede a fare le sedie di merda, finocchio”.

BANG!

Muori, progettista di sedie dei miei coglioni. Che tu possa bruciare all’inferno assieme al tizio della Microsoft che ha creato questo computer di merda. Se al posto di questo computer di merda ci fosse un GameBoy con tre tasti penso che riuscirei a svolgere meglio il mio lavoro. E più in fretta.

L’orologio non cammina. I minuti non passano.
Ogni volta che guardo quei cristalli liquidi e noto con stupore e sgomento che sono ancora le quattro di pomeriggio mi viene voglia di urlare, pisciarmi addosso, farmi una riga di coca, sbattere la testa sulla scrivania e vomitare sulla tastiera. Contemporaneamente.

Qualcuno deve salvarmi. Perché non entra una bella figa da quella porta, mi guarda fisso negli occhi e mi dice: “Vieni con me, alzati da quella sedia, molla quel computer, andiamo a scoprire quante volte riesci a scoparmi nel culo sul sedile posteriore del mio SUV.”

Invece entra un vecchio di sessant’anni che mi chiede qualcosa in una lingua che sembra l’etrusco. Gli chiedo di ripetere, lui ripete, ora dall’etrusco siamo passati al latino volgare. Gli sorrido storto e lo indirizzo da un mio collega, augurandomi che durante il tragitto gli venga un infarto. Al suo unico figlio, intendo dire.
A lui invece gli auguro un cancro al cervello inoperabile di quelli che alla mattina ti svegli e guardi la finestra della tua camera al quinto piano e ti sembra una buona idea saltare giù di testa.

Cristo quanto odio lavorare.



24 commenti:

  1. Anch'io odio lavorare, in ufficio non te lo racconto neanche...

    RispondiElimina
  2. Be' era ora che facessi qualcosa.

    Buon lavoro eh.

    RispondiElimina
  3. Bello zeppo di luoghi comuni: mi piace soooooo much

    RispondiElimina
  4. Bella la vignetta di Schulz.

    I brevi periodi della mia vita in cui ho lavorato è stato abbastanza angosciante. Poi però quando tornavo a studiare sui soliti libri complicatissimi mi mancava il lavoro.
    Ora non ho nulla: non ho un lavoro, non ho nulla da studiare e niente da fare: diciamo che me ne sto sull'amaca tutto il giorno a bere, fumare, e a farmi aria con la mia laurea usandola come un ventaglio.

    RispondiElimina
  5. Pipino il breve25 maggio 2011 11:38

    o povero cocchino, ci siamo comunque passati tutti, il trucco per sopravvivere è fare finta che il tuo culo sia una macchina collaudacazzi.
    Buona giornata lavorativa!

    RispondiElimina
  6. Io sono in questa esatta condizione da da 67 mesi. E quel che è peggio è che è solo colpa nostra.

    RispondiElimina
  7. Spero di non lavorare mai allora

    RispondiElimina
  8. Se dopo trentanove mattine stai così, vedrai che tra trecento starai molto meglio.

    In coma.

    RispondiElimina
  9. Chi è contento del proprio lavoro è un fottuto masochista di merda. Tranne gli attori porno.
    Non proprio tutti gli attori porno.

    RispondiElimina
  10. faina lo pija in culo

    RispondiElimina
  11. È più o meno tutto condivisibile. Charlie Brown è il meglio, ma forse era più indicata una striscia di Bristow.

    Gigos

    RispondiElimina
  12. Cambia lavoro, coglione.

    RispondiElimina
  13. Bah ..era meglio fare il manovale non il muratore. Vuoi mettere.
    Puoi pisciare quando vuoi, fumarti 30 siga, bestemmiare come un turco e farti pure un buon lambaro ogni ora.

    RispondiElimina
  14. beviti una bottiglietta da mezzolitro di acqua, intervallandola con un sorso di superalcolici e vedi se non pisci ogni 20 minuti...^^

    RispondiElimina
  15. Lucy dei miei coglioni...

    RispondiElimina
  16. Chi auspica di avere un lavoro seduto su una sedia da ufficio è un malato di mente.

    RispondiElimina
  17. Sicuro, ma anche chi punta alla miniera non è che stia benissimo.

    La cosa migliore sarebbe un lavoro non faticoso e all'aria aperta, and then we just discovered fuckin' hot water.

    RispondiElimina
  18. Io punto a fare la netturbina di sti tempi

    RispondiElimina
  19. Testa le escort per l'onorevole presidente del consiglio,
    c'è sempre richiesta ed è molto esigente

    RispondiElimina
  20. gente, provare a passare più tempo a trovare un lavoro consono alle proprie caratteristiche (che non esiste ma è bello crederci) invece di scrivere 23 post al mese?

    RispondiElimina
  21. Sarei curioso di sapere se il giorno dopo l'hai salutato in modo "fine".
    gran bel pezzo.

    Ciao
    Zac

    RispondiElimina
  22. Pensa a chi invece un lavoro manco ce l'ha,e a questo punto il pensiero di dover star seduto su una sedia per 8 ore è solo un sogno lontano,mentre ciò che si avvicina è il fatto che non sa come pagare il prossimo affitto?

    RispondiElimina
  23. Per non parlare dei bambini dell'Africa che darebbero un braccio per essere al posto di un disoccupato italiano.

    RispondiElimina
  24. Se mi permettesse di pagare le bollette e andare in pizzeria senza far affidamento sulle monetine e non preoccuparmi di dover girare tutte le fottutissime agenzie interinali accontentandomi anche di un "posto da operaio generico" nonostante laurea e dottorato...io a quella sedia farei un monumento equestre in piazza...è triste lo so....ma è meglio che lamentarsi perche' "si ha un lavoro"!!

    RispondiElimina