Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

12 ottobre, 2010

Vangelo


I protagonisti principali di questo libro li conoscete tutti: Gesù, Maria, i dodici discepoli, Pilato, e i farisei nella parte dei cattivi.

Come inizia questo libro?

Dipende dalla versione.
Quella di Matteo è la più scarsa e la conoscono tutti: E Qualcuno generò Qualcuno, Qualcuno generò Qualcun Altro, Qualcun Altro generò Un Altro Ancora, Un Altro Ancora generò uncasinodinomi che generò Gesù.
Il lettore novello inizia a leggere il Nuovo Testamento e dopo cinque righe è già stanco.
Si consiglia pertanto di iniziare da una versione più figa: quella di Luca. Quella di Luca è quasi cinematografica: inizia con un vero e proprio prologo dove viene raccontato l’annuncio della nascita di Giovanni Battista.
C’è l’angelo, che va da Zaccaria, e gli dice che sua moglie sarà pure vecchia e sterile e le tette le cascano e si fa la tinta ma sta comunque per dare alla luce un figlio, e sto figlio sarà colui che aprirà la strada all’unico vero Messia salvatore dell’umanità.
E allora il lettore legge sta roba e fa “Mmmm chissà che figata” e si immagina la scena di Giovanni che va in giro a propagandare il Cristo e gli fa una pubblicità pazzesca, e infatti anche Zaccaria deve pensarla così perché nel libro si emoziona come uno scolaretto e non riesce neanche a parlare da quanto è contento e si limita a fare solo dei gesti con le mani (vero! controllate) e la gente non capisce che cazzo succede.
E questo è solo l’inizio.

Passiamo a Gesù che nasce.

La storia è che siccome lui il personaggio principale e deve salvare il mondo e via discorrendo mica lo possiamo far nascere in un modo normale, no?
Non è che ti basta dire “Maria andò dalla levatrice del villaggio, la levatrice le urlò di spingere, e Gesù saltò fuori mentre si sentiva un coro di angeli cantare”, checcazzo no, troppo facile, quella è robetta per divinità di serie B come Buddha o Maometto, a Gesù ci diamo un cattivone senza cuore tipo Erode che fa uccidere TUTTI i suoi coetanei e chissenefrega se questo abbassa l’indice di natalità di Betlemme a livelli da crisi e ci diamo anche una (rullo di tamburi) CAZZO DI COMETA FIGATA che arriva dal cielo e SI FERMA SOPRA LA CAPANNA per far capire a tutti che non è mica nato uno qualunque, poi ci mandiamo tre re Magi a portargli un carico di doni di gran valore e mettiamoci pure la storia della capanna con bue e asinello connessi così che il tutto sembra una favola di quelle a lieto fine.
Ecco fatto, nasce Gesù, e tutti giù la testa e zitti zitti che una nascita così non l’avete mai vista prima, altro che Minerva che viene partorita dalla testa di Zeus o quelle altre cagate pagane.

Cosa fa Gesù fino a trent’anni?

Si sa poco o niente, uno degli episodi più famosi raccontati nel libro è quello di lui a 12 anni che si mette nel Tempio a parlare di roba religiosa con i maestri esperti di roba religiosa e il libro ti fa capire che Gesù sarà anche stato giovane e sbarbatello ma di roba religiosa ne capiva più lui che tutti gli altri maestri di roba religiosa, e gli faceva pure fare le figure di merda a questi qua secondo me e si bullava di saperne più di loro, e grazie al cazzo vorrei dire, lui era il Figlio di Dio e loro erano diventati esperti di roba religiosa proprio per imparare a riconoscere a prima vista il Figlio di Dio, ma ovvio che Gesù non l’hanno riconosciuto manco per niente e stavano tutti lì a grattarsi il capo e chiedersi come mai il giovane sbarbatello li stava sfanculando così di brutto in pubblico. E già qui capisci che Gesù è un personaggio principale di un certo spessore.

Poi ecco, Gesù ha trent’anni e qui le cose si fanno serie.

Si inizia con il battesimo a opera di (rullo di tamburi) Giovanni Battista, che è una di quelle scene struggenti che ti gasano da morire, e Gesù si prende l’incarico di portare la parola di Dio nel mondo e quindi per dimostrare che è all’altezza del compito va nel deserto a sfidare nientepopodimenoche il diavolo in persona.

Cosa succede nel deserto? In sostanza Satana le prova tutte con Gesù ma niente, zero, nada, quello lì è un osso duro e rifiuta le peggio tentazioni e ad ogni provocazione di Satana ci risponde con frasi epiche tratte dall’Antico Testamento che sotto sotto vogliono dire tutte la stessa cosa: FANCULO SATANA A ME NON MI PIEGHI.
E infatti Satana rinuncia  e se ne va col culo che gli rode a manetta ma sta progettando la vendetta e si chiude in cantina giorno e notte a fabbricare demoni da scagliare contro gesù nel seguito della storia.

Gesù torna in Giudea e gira il paese e raccoglie i suoi discepoli, questi mollano lavoro casa e famiglia convinti di andare in giro a fare i “pescatori di uomini”, e le loro mogli si incazzano e capiscono di aver sposato dei balordi  e i loro figli si incazzano e vengono presi per il culo a scuola dai compagni che dicono loro “Ha ha ha tuo padre se n’è andato di casa!” e crescono col risentimento verso il proprio genitore e da grandi molti loro diventano serial killer (ma questo il libro non ce lo mostra però sappiamo tutti che è così).
Insomma i discepoli son dodici, ognuno con le sue caratteristiche particolari, c’è quello che non crede mai a un cazzo fino a che non ci infila le dita dentro, ci sono il traditore che vuole arricchirsi e il tizio con la faccia burbera ma saggia che si capisce subito che diventerà il braccio destro di Gesù, e tutti quanti insieme gironzolano di città in città ad ascoltare parabole e assistere a miracoli. Il tutto dura circa tre anni.

Parentesi sulle parabole.

Le parabole di Gesù sono un’interessante “storia nella storia”, in sostanza vediamo Gesù che si siede da qualche parte (di solito in cima a un monte) e racconta storie criptiche dal significato oscuro che parlano di tesori, pecore smarrite, vigne, granelli che cadono sulla ghiaia e servitori stronzi, e poi sta a vedere se qualcuno ci ha capito qualcosa. Inutile dire che di solito i discepoli non ci hanno capito un cazzo e c’è sempre l’ingenuo di turno che pensa bene di dire la sua opinione personale sulla storia e puntualmente sbaglia e viene sfanculato alla grande da Gesù che da bravo maestro si mette a spiegare la morale così che i discepoli possano guardarsi e annuire e dire “sì sì io l’avevo capito che voleva dire sta roba qua”.

Parentesi sui miracoli.

Gesù non può limitarsi a parlare e parlare e parlare per far capire che è lui il vero figlio di Dio, lo sanno tutti che alle parole devono seguire i fatti e quindi di fatti ne vediamo abbastanza e non sono trucchetti da circo, qui vediamo roba GROSSA come pani e pesci che si moltiplicano a dismisura e sfamano migliaia di persone alla faccia vostra africani che morite di fame, qui vediamo ACQUA CHE DIVENTA VINO e Gesù che diventa l’idolo di ogni alcolizzato della Galilea, qui vediamo Gesù che prende a calci gli spiriti maligni mandati da Satana (a cui il culo non ha smesso di rodere da quella volta del deserto) e ordina loro di sparire e andarsene affanculo nel nome del Signore.

Ma è nelle proprietà taumaturgiche che Gesù eccelle, e infatti ecco che BUM i ciechi ci vedono e BUM i lebbrosi guariscono e BUM basta solo toccare il mantello di Gesù e al mal di schiena gli puoi dure VAFFANCULO BASTARDO IO CREDO.
Ma ecco, il colpo da maestro, quello che tu leggi e dici “okay, adesso chiudo sta bomba di libro e vado a farmi prete forever”, è quando Gesù trova Lazzaro morto.
Si fa presto a fare due più due:

Gesù
+
Lazzaro nel sepolcro
=
Lazzaro che resuscita e vaffanculo alle leggi universali della vita e della morte.

A questo punto tu, pagano del primo secolo dopo Cristo che stai leggendo, se prima tifavi per il dio Mercurio o ti piaceva Anubi o tutti quegli sfigati là adesso capisci irrimediabilmente senza ombra di dubbio che Gesù è il cavallo vincente su cui puntare.

<<Tu per chi porti?>>
<<Io? Io sto con Iside.>>
<<Iside? FIGHETTA. Io sto con Gesù.>>
<<E che fa di speciale?>>
<<Ti resuscita i morti.>>
<<Uh.>>
<<E trasforma l’acqua in vino.>>
<<LO PRENDO!>>

Se ancora non siete convinti della potenza di Cristo come personaggio principale di uno dei più grandi libri nella storia dell’umanità, ecco cosa succede in Matteo 14, 22-33:

“Sul finire della notte, Gesù andò verso i suoi discepoli camminando sul lago.”

Vaffanculo principio di Archimede.

Io mi immagino quando l’hanno scritta sta roba, li vedo che si fregavano le mani e sorridevano e dicevano “con questa li ammazziamo tutti e li lasciamo col culo a terra”, e c’avevano ragione, tu sei tranquillo che ti sfogli il Vangelo e ti lasci trasportare dalla storia e poi ecco che leggi di Gesù che attraversa il lago a piedi  e cadi per terra e mentre cerchi di riordinare le idee senti che la mano si muove da sola e ti ritrovi a farti il segno della croce senza volerlo tanto è forte e suggestiva questa scena. Un capolavoro, puro e semplice.

Ma veniamo al gran finale.

La storia si sa: Giuda vende il suo maestro per trenta denari e così facendo diventa automaticamente Il Più Grande Stronzo dell’Umanità, Pietro camuffa la sua identità e quando gli chiedono di Gesù si limita a fare spallucce e cambiare argomento (e il gallo canta per dimostrare che si è comportato da stronzo), i farisei mandano Gesù da Pilato, il quale si lava le mani e lascia che sia la folla a decidere e diventa Il Secondo Più Grande Stronzo dell’Umanità, la folla fa il tifo per Barabba (che con un nome così è lecito chiedersi come abbia fatto a vincere), e il figlio di Dio viene condannato a morte tramite la crocifissione.

Ora, piccola divagazione personale: il libro contiene dei bei momenti, e gli insegnamenti sulla pace dello spirito e la fratellanza tra gli uomini sono pienamente condivisibili anche ai giorni nostri “Quando dai qualcosa ai poveri non fare come gli ipocriti, non farlo sapere a tutti”, “Non giudicare se non vuoi essere giudicato” e la bellissima “Non preoccupatevi troppo per il domani: ci pensa lui, il domani, a portare altre pene. Per ogni giorno basta la sua pena.”

Ma per il resto mi sembra costellato di eventi irreali e fantasiosi. Forse qualcuno di voi concorda.

Mi sento però di spendere qualche parola sull’immagine di Gesù sofferente che urla a Dio e gli chiede dove cazzo sia finito poco prima di morire.

Ecco, lui è lì, ha passato buona parte della sua vita a venire insultato e schernito per colpa dello stile di vita che gli è stato imposto dall’alto, e l’ha accettato di buon grado, e ha sopportato fino alla fine, e si è ritrovato appeso a una croce, e nessuna colomba bianca è scesa dal cielo ad alleviare le sue pene, nessun raggio di luce ha polverizzato i soldati romani, nessun angelo è arrivato a togliergli i chiodi dalle mani. E lui che ha fatto? Per una rara volta nella sua vita si è chiesto se non ci fosse stato qualche intoppo nel Grande Piano del Signore.
Una scena di una forza pazzesca.
Ha avuto un gran bel dubbio, uno di quelli terribili che ti fanno suonare un campanello di allarme in testa da cagarsi sotto. E questo passaggio mostra con una forza straordinaria la vera natura di Gesù, non il tizio che compie le magie e parla per enigmi e sembra Superman in ogni cosa che fa, ma un uomo come qualsiasi altro che, ritrovatosi in una situazione di merda, perde la fiducia e accetta l’idea di arrendersi. La resa. Forse le cose non andranno come previsto. Forse la cavalleria ha perso il treno e non arriverà.
E chi poteva biasimarlo?

Torniamo alla storia.
Gesù muore, Gesù viene posto nel sepolcro.
Fine?
A questo punto della storia il lettore è scoraggiato. E’ come nei film, quando Rocky viene messo al tappeto dall’avversario con un gancio al mento e tu pensi APOLLO CREED SEI UN NEGRO DEL CAZZO, o quando Commodo pugnala il Gladiatore Massimo Decimo Meridio Generale delle legioni Felix Padre di un figlio assassinato (ecc. ecc.) e il Gladiatore perde litri di sangue e tu pensi MERDA ADESSO GLI FANNO IL CULO, e ti viene la tristezza e pensi che in fondo il buono ha perso con onore ma è una sconfitta comunque, e poi ecco che NO, il buono dice NO, il buono urla NOOO!!!, al buono gli vengono gli occhi della tigre e i muscoli iniziano a pompare come pistoni e si digrignano i denti e si stringono i pungi e le vene sul collo si gonfiano e Rocky si alza e atterra il negro con un diretto sul naso e il Gladiatore si alza e pianta la spada in faccia allo stronzo e lo annienta con uno sguardo da schiacciasassi e Gesù si alza dalla tomba e la pietra del sepolcro schizza via come un missile e arriva la luce folgorante e Gesù sta salendo al cielo e non è più morto anzi sta sorridendo e il suo è un sorriso che dice vaffanculo a tutti quelli che non ci credevano e tu pensi “hahaha pagani di merda adesso sono cazzi amari per tutti.”

Il resto, come si suol dire, è storia.



VALUTAZIONE FINALE:


Pagani di merda:                                                                 ☆☆☆☆ 
Il mantello di Gesù:                                                     ★★★★★ 
Satana che gli rode il culo assai:                                                      ★★★★★ 
Minerva che viene partorita dalla testa di Zeus:                                ☆☆☆☆
Zaccaria che a momenti gli viene un infarto:                                    ★★★★



28 commenti:

  1. Ma che cazzo...
    Al catechismo le raccontano tali e quali ste' storielle.
    Pape Jesus, pape Jesus aleppe...
    Esci dal corpo di Faina!!!

    RispondiElimina
  2. Balle, Matteo 14,22-33 in realtà parla di mutui a tasso variabile.

    RispondiElimina
  3. Altro che il signore degli anelli.

    RispondiElimina
  4. Il Signore degli Agnelli... :-P

    RispondiElimina
  5. Uno dei post migliori e più dissacranti che tu abbia scritto, posso solo dire che ti fa pisciare dal ridere. E sono credente. O.o

    RispondiElimina
  6. Chissà quali droghe si usavano ai tempi per scrivere certe cose. E te non sei da meno cazzo!

    RispondiElimina
  7. post lunghissimo e noioso, sta perdendo colpi il sopravvalutato faina..

    RispondiElimina
  8. Ma se è uno dei post migliori da mesi...

    RispondiElimina
  9. La scena di Gesù che cammina sull'acqua comunque era solo un errore di traduzione, come quella del cammello che passa per la cruna di un ago.

    In realtà Gesù stava camminando SULLA RIVA del lago.

    Un minchione ha sbagliato a tradurre e tutti si sono basati su quella traduzione dopo di lui.

    RispondiElimina
  10. BRONTOLIO!!! ma questo post sale secco nei miei "top 5 post best eva in de world tunait"...
    applausi, applausi e ancora applausi...

    RispondiElimina
  11. Tutte queste righe buttate in pasto ai pagani del cazzo e non ti prendi la briga di parlare della femmina del boss, tra l'altro gran trowione, maria maddalena?

    RispondiElimina
  12. Grandissimo post, tra i migliori mai fatti da te XD
    Però c'è un problema, non hai parlato di quella gran mignotta di Maria Maddalena, è una mancanza importante per me. :D

    RispondiElimina
  13. Ahahahahaahh belloooooo XD

    RispondiElimina
  14. sei una testa di cazzo senza rispeto IMPARA A PORTARE RISPETTO!! credi di far ridere ma sei solo un ridicolo che non capisce nulla delle cose improtanti

    RispondiElimina
  15. Il lato triste di gente come Giovanni è che ti resta sempre il dubbio che sia solo un fake, il ché sarebbe mille volte meno divertente.

    RispondiElimina
  16. Secondo me è umc, a giudicare dall'arguzia nel cogliere il sarcasmo.

    RispondiElimina
  17. "c’è quello che non crede mai a un cazzo fino a che non ci infila le dita dentro"

    EPIC WIN

    RispondiElimina
  18. Il "FAINA" di qualche tempo fà.
    rofl

    RispondiElimina
  19. Bohhhh.... non aveva forse detto qualcuno "La verità vi renderà liberi"? Appunto.... appunto.

    RispondiElimina
  20. A me comunque sembra una apologia del povero Cristo.
    Bello davvero.


    Amen.



    Morg

    RispondiElimina
  21. Hai dato il via al Fainesimo, bravissimo.

    RispondiElimina
  22. E' VECCHIA COME STORIA !!
    ORA LA STORIAE' PIU' MODERNA !!
    COME I DUE PAZZI CHE SI INCONTRANO E IL PRIMO DICE:
    << IO SONO GESU', IL FIGLIO DI DIO >>
    E IL SECONDO INCAZZATO GLI RISPONDE:
    << CRIBBIO !! QUESTA E' UNA CALUNNIA DEI COMUNISTI !! IO NON HO MAI AVUTO UN FIGLIO DI NOME GESU' !! >>
    P.S.:
    IL SECONDO PAZZO, PER CHI NON LO AVESSE CAPITO, ERA IL NOTISSIMO "CAV. PRESIDENTE DEL CONSILIO... EUCUMENICO"
    MEGLIO CONOSCIUTO COME IL "NANO-CHE-RIDE"

    RispondiElimina
  23. Madonna se faceva cacare, questa.

    RispondiElimina