Seguimi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Seguimi su YouTube   Feed  

23 settembre, 2010

Camera Café


Avete presente Luca e Paolo in quella vecchia serie che davano su MTV, dove venivano ripresi mentre attraversavano l’Italia a bordo di un carro funebre? Si chiamava MTV Trip e consisteva in brevi e surreali sketch in cui i due comici, sostanzialmente, non facevano altro che sparare una fila ininterrotta di cazzate.
E sì, non era affatto male.
Bene, ora accendete la tv e guardate Camera Café.
Vaffanculo Luca e Paolo.

Facciamo un rapido resoconto per gli ignoranti in materia: Camera Café è una serie televisiva ambientata davanti alla macchinetta per il caffè di un’azienda fittizia. La telecamera riprende tutto ciò succede davanti a questa macchinetta, documentando la vita aziendale e le vicende surreali dei vari impiegati.

Esatto, era meglio il carro funebre.

Ad ogni episodio ci si trova ad assistere a una carrettata di infantili siparietti comici degni delle barzellette sporche sui carabinieri che si sentivano nel cortile in quarta elementare, una cosa talmente deprimente che fa sembrare quasi divertenti i Fichi d’India.

Diciamo insieme un Allelujah per i Fichi d’India.

A proposito, ci ho riflettuto bene e ho capito qual è l’unica cosa che potrebbero fare per riuscire a far ridere la gente: morire.

Ma torniamo a Camera Café. Il successo di questa serie deriva principalmente da tre fattori:
1. Luca e Paolo conducono le Iene quindi devono essere simpatici qualsiasi altra cosa facciano
2. A fare da spalla a Luca e Paolo ci sono dei personaggi eccentrici e buffissimi che sotto la loro goffaggine nascondo un cuore d’oro e un carattere eccezionale (così che lo spettatore è portato a trovare simpatico un personaggio come Silvano e persino a provare un po’ di affetto e di pena per lui, mentre se nella vita reale conoscesse veramente un idiota simile non ci penserebbe due secondi prima di deriderlo e prenderlo a calci nel culo)

3. Non mi viene in mente un cazzo.

Scoprire il segreto di un tale successo non è stato affatto facile: ho dovuto addentrarmi nella psiche di un fan di Camera Café, ho esplorato e analizzato con cura la sua cultura televisiva (diciamo insieme un Allelujah per la cultura televisiva), ho ponderato e calcolato con cura ogni singolo dettaglio, ma alla fine il risultato si è dimostrato di una semplicità inaudita: il tipico fan di Camera Café è un sempliciotto senza troppe pretese dotato di un carattere e di una mente facilmente influenzabili e inclini a seguire qualsiasi cosa venga presentata come “spiritosa” o “forte”.

Facciamo un esempio: prendete un tipico telespettatore di Camera Café.
Andate da lui e ditegli: “La moda del mese consiste nel baciarmi il culo perché sono un dio in terra e ho più carisma io che Mel Gibson in Braveheart.”
A questo punto lo avete quasi convinto.
Il telespettatore medio non ha un giudizio personale, a lui basta il fatto che vi siate presentati dicendogli di essere dei tizi gagliardi che non devono chiedere mai.
E la vostra parola è legge.
Ora, per convincerlo del tutto, mandate un vostro amico dal telespettatore medio di Camera Café. Il vostro amico dovrà dire: “Ho baciato il culo a quel tipo perché è la moda del mese e perché quello lì è più figo di Bruce Willis in Pulp Fiction, credimi.”
Bene, ora calatevi i pantaloni e aspettate serenamente l’arrivo di un soffice bacio.

SPIEGAZIONE:
La vostra auto-celebrazione di superiorità corrisponde alla pubblicità ingannevole che ruota attorno a Camera Café: “è una serie originale, divertente, innovativa, simpatica”.
L’ amico che conferma la vostra auto-celebrazione corrisponde al parere del cosiddetto pubblico-pecora. Il pubblico-pecora è sempre pronto a farsi piacere tutto, a difendere qualsiasi schifezza gli passi sotto il naso, e aiuta spontaneamente e in maniera massiccia a propagandare la merda che guarda in tv. I mezzi preferiti dal pubblico-pecora per esprimere al mondo il suo amore per la merda televisiva sono i forum su Internet, i blog e l’immancabile Facebook.
Diciamo insieme un Allelujah per Internet.


VALUTAZIONE FINALE:

Telecamera nella macchinetta del caffè:                              ☆☆☆☆☆
MTV Trip:                                                                                 ★★★★
Fichi d’India:                                                                            ☆☆☆☆☆
Mel Gibson in Braveheart:                                                     ★★★☆☆
Silvano:                                                                                     ☆☆☆☆☆
Farsi baciare il culo da un fan di Camera Café:                 ★★★★★




13 commenti:

  1. Hey, ma cosa diavolo?
    Ti apri un blog su blogspot e devo scoprirlo perchè sono un dannato nerd che scruta per filo e per segno chiunque abbia un link diretto a drink?
    Figo.

    RispondiElimina
  2. road trip era MITICOO - soprattutto il tipo che fischiettava alla fine.
    clà

    RispondiElimina
  3. Ma non diciamo cazzate, in Pulp Fiction Bruce Willis non è fico per niente, difatti è lo zerbino di una fidanzata ritardata e pallosa (ma con due bombe...).

    RispondiElimina
  4. ehi, Faina, hai cambiato blog e tutto ... ma dove sono andate le foto delle fighe?

    RispondiElimina
  5. @ Sciuscia: uccide uno stupratore infilandogli una katana nello stomaco e la lecca a una zoccola. che deve fare di più per guadagnarsi la qualifica di "fico" del film? almeno non si fa ammazzare come travolta (il quale, ricordiamo, va anche in bianco con la thurman).
    Risultato finale: Willis: 1, Travolta: 0. Thurman: 10.

    @steo: l'avevo detto che questo blog avrebbe seguito una linea leggermente differente.

    RispondiElimina
  6. Ma se la Thurman in quel film è una zoccola rincoglionita talmente cretina da scambiare eroina per coca! Insomma, è una donna, ecco.

    RispondiElimina
  7. ti sei scordato, faina, che willis fa anche fuori un tipo a mani nude, anzi coi guantoni.
    cioè, meglio di così...
    clà

    RispondiElimina
  8. road trip a me piaceva specialmente i loro capelli!

    RispondiElimina
  9. Aspetto un post su Ale&Franz!!!

    RispondiElimina
  10. Faina che si mette a fare recensioni? mi piace!

    aspetto qualche post sul cinema

    RispondiElimina
  11. Ottima analisi, ma penso la cosa sia molto più semplice: MTV TRIP riguardava un'avventura, ma non troppo esotica e non troppo estrema, così i figaggioni non la guardavano, mentre i fighettini la reputavano volgare; Camera Cafè invece è ottima per i milioni di impiegatucci che si sentono arrivati col loro posto fisso da bestie.

    RispondiElimina
  12. e stelle a Mel Gibson ?!? Io gliene davo 0 !

    RispondiElimina
  13. siete dei gran bastardi luca e paolo sono dei grandissimi e questa è tutta invidia perchè loro valgono molto più di voi che non valete un cazzo figli di puttana bastardi

    RispondiElimina